RSS icon Email icon Home icon
  • Il 7 aprile 2011 parte la cedolare secca sugli affitti

    Posted on April 6th, 2011 admin No comments
    A partire da domani, 7 aprile 2011, entra in vigore il nuovo sistema di tassazione delle locazioni ad uso abitativo, sostitutivo delle attuali imposte Irpef, addizionali, di registro e di bollo. La cedolare secca permetterà al contribuente, che decida di farvi opzione, di scontare un’imposta del 21% o 19% sul canone di locazione annuo. L’opzione sulla cedolare secca dovrà essere compiuta una volta sola per tutta la durata del contratto di locazione, ma potrà essere revocata se il proprietario prevede in un anno che il ritorno alla vecchia tassazione progressiva sia più conveniente. Tuttavia, si resta in attesa del Provvedimento con cui l’Agenzia delle Entrate stabilirà le modalità di esercizio dell’opzione e di versamento dell’imposta.
     
    Fonte: Il Sole 24 Ore
  • Contributo integrativo fino al 5%

    Posted on April 6th, 2011 admin No comments
    Via libera del Senato al Disegno di legge “Lo Presti”, concernente la misura del contributo previdenziale integrativo, dovuto dagli esercenti attività libero-professionali iscritti in Albi ed elenchi. Il testo permette alle Casse di previdenza dei professionisti la possibilità di aumentare fino al 5% l’aliquota del contributo integrativo, in misura percentuale del fatturato lordo, pagato dal cliente in fattura. Attualmente questo contributo è pari al 2% per le casse di previdenza nate con il D. Lgs. n. 103/1996 (chimici, agronomi e dottori forestali, geologi, infermieri, psicologi, biologi, periti industriali, periti agrari e agrotecnici, giornalisti liberi professionisti). La novità interessa anche le Casse dei Dottori commercialisti e dei ragionieri, disciplinate dal D. Lgs. n. 509/1994, che attualmente applicano un contributo integrativo pari al 4%.
     
    Fonte: Il Sole 24 Ore
  • Detrazione 55% e 36%: irrilevante l’utilizzo del mutuo o della finanziaria

    Posted on April 6th, 2011 admin No comments

    È irrilevante sul meccanismo dell’agevolazione fiscale, l’utilizzo di un mutuo o di una finanziaria per ottenere la liquidità necessaria per pagare nel 2011 le spese di ristrutturazioni edilizie, detraibili al 36%, o quelle per gli interventi sul risparmio energetico, detraibili al 55%, anche se l’effettiva uscita finanziaria, sostenuta dalla persona fisica, viene ripartita in più anni. Questa è una delle precisazioni che prende spunto dalle domande inviate al Forum online abbinato alla Guida pratica “Lavori in casa e bonus fiscali”, in edicola con “Il sole 24 ore” del 4 aprile 2011.

    Fonte: Il Sole 24 Ore